CHI SONO

Ciao! Sono Giovanna Martiniello e vado matta per le storie, quando sono raccontate bene. Sono convinta che la realtà cambi in base a come scegliamo di raccontarcela. Le parole e il punto di vista possono fare davvero la differenza.
Con il mio lavoro ti aiuto a (ri)scrivere la storia di te che vuoi raccontare. Ho un approccio che definisco umanistico, perché mi prendo cura di te, ti ascolto, leggo tra le righe anche quello che non mi dici (paura, eh?). Vuoi sapere un segreto? Spesso i testi che scrivi non ti piacciono perché usi le parole per nasconderti. Il modo migliore per scrivere la tua storia è fidarti di te. Se pensi di non avere nulla da dire, se non sei convinta delle tue idee, ti servirà a poco conoscere regole, trucchi e segreti di scrittura. Ma se sei pronta a metterti in gioco per tirare fuori la tua voce inconfondibile, evviva: io non vedo l’ora di far parte della tua squadra!
Giovanna Martiniello
Elemento Grafico Giovanna Martiniello
Lo so, è un mondo difficile. Se sei una freelance, forse hai l’impressione che per vendere i tuoi prodotti e i tuoi servizi devi esibire i fatti tuoi sulla pubblica piazza dei social network. Ma è proprio così? E come puoi raccontarti online, se ti sembra che la vita di un pesce rosso in una boccia sia più emozionante della tua?
Immagina come cambierebbe la tua comunicazione se parlassi la stessa lingua del tuo interlocutore ideale, se lui – o lei – condividesse i tuoi valori, le cose in cui credi, la tua visione del mondo. Avresti il superpotere di creare una connessione tra te e chi si trova al di là dello schermo.

Io posso aiutarti a farlo, attraverso l’uso della scrittura consapevole.

Darkside Coach

Puoi chiedermi una mano se vuoi dare carattere ai tuoi post, che ti sembrano troppo piatti e privi di personalità. Non sarebbe fantastico ritrovarti in quello che scrivi e “arrivare” al tuo pubblico?

Oppure ti affianco se vuoi raccontare online il tuo lavoro in un modo che abbia senso per te, senza diventare la brutta copia di qualcun altro e senza forzature.
Oppure, ancora, possiamo usare la scrittura autobiografica per fare un lavoro di crescita personale, individuando nella tua storia i pattern che si ripetono e provando ad allenare uno sguardo diverso su te stessa e sul mondo. Così saprai scrivere il tuo futuro nel modo che più ti piace.
Elemento Grafico Giovanna Martiniello
Se te lo stai chiedendo, non mi occupo di marketing e nemmeno di copywriting. Pianificazione e strategia sono indispensabili se lavori come libera professionista. Ma occorre fare un passo alla volta. È impensabile che tu possa correre la maratona di New York se non hai mai fatto un giro nemmeno al parco sotto casa. Pensami come un ibrido tra una guida turistica e una compagna di viaggio: facciamo una passeggiata intorno all’isolato, poi esploriamo il quartiere e poi chissà. Come si dice, the sky is the limit.

La mia vita in 10 punti (in disordine sparso)

  1. Ho sempre avuto una passione per le storie. Quando giocavo con le Barbie, inventavo trame intricatissime e avventurose in cui io ero o una giornalista o una scrittrice. E Ken il mio autista.
  2. Sono una corsista seriale. Ho iniziato a seguire corsi di scrittura nel 2005 e non ho mai smesso. Ho seguito corsi con Annamaria Anelli, Daniela Scapoli, Chiara Gandolfi e Mari Accardi, tra gli altri. Mi sono specializzata in scrittura autobiografica con le scrittrici Domitilla Pirro e Rossana Campo. Non si finisce mai di imparare è uno dei miei adagi preferiti.
  3. Sono una coach certificata (mica improvvisata, eh!) e nella mia vita professionale precedente sono stata La Darkside Coach, la coach che ti aiutava a far pace con il tuo lato ombra. Disseminata qua e là in questo sito ne trovi ancora qualche piccola traccia. Sono una sentimentale, lo so!
  4. Ho fatto per alcuni anni la ghost writer. È un’esperienza che mi ha insegnato l’arte della mimesi. Il ghost writing è uno dei miei guilty pleasure e ogni tanto cado ancora in tentazione, lo ammetto.
  5. Sono un’insegnante di italiano per stranieri. Agli studenti Erasmus dell’Università di Torino ho trasmesso conoscenze di un certo livello, come la famosissima canzone “Sabato sera” dei Fraternity Brothers.
  6. Nella mia famiglia si tramanda la leggenda secondo la quale fino ai cinque anni salivo sulle sedie e declamavo poesie imparate a scuola o cantavo a pieni polmoni le sigle dei cartoni animati. Come sia diventata un’introversa incallita è un mistero che la scienza non riesce ancora a spiegare. Si sospetta un rapimento alieno.
  7. Ho lavorato per 7 anni come impiegata amministrativa in uno studio professionale di brevetti e marchi. Io ero quella che doveva scrivere le email ai clienti, perché come riuscivo a essere chiara io, nessuno mai. Oh, so’ talenti!
  8. Scrivo tutti i giorni, a volte per lavoro, spesso per me stessa. Scrivere mi viene naturale, come mangiare biscotti al cioccolato. Ma senza effetti collaterali indesiderati.
  9. Per un paio d’anni ho corretto bozze e fatto editing di recensioni musicali e di articoli scientifici. Sono un asso in grammatica, sintassi e punteggiatura.
  10. Se non sono nella mia casa in collina con mio marito Paolo e con la nostra cagnolona Athena, puoi trovarmi in qualche piccolo bistrot di Torino, sempre con una tazza di tè fumante, anche con 40 gradi all’ombra.
Elemento Grafico Giovanna Martiniello

Nota

[Ehi, l’elenco qui sopra è la rivisitazione di un esercizio che faccio fare nei miei percorsi. Scrivi una lista di almeno 5 fatti significativi della tua vita. Lo schema per punti ti aiuterà a far emergere ciò che in questo momento è più urgente. Riprovaci dopo un po’ di tempo e ti ritroverai con una lista molto diversa]

Iscriviti alla mia newsletter, c’è pure un regalo

La mia newsletter si chiama Passaparole e contiene una buona dose di fatti miei. Niente di scabroso, eh! Una volta al mese, il 17 alle 17:00 (scaramanzia portami via), condivido con te riflessioni sulla vita e ispirazioni varie, che penso possano esserti utili per guardarti da punti di vista diversi. Con l’iscrizione ricevi subito in regalo Io brillo da sola, un piccolo ebook con 10 esercizi creativi per (ri)scrivere il mood di una giornata storta. Che fai, ti iscrivi?